Home > Informazioni > La Certosa > Biblioteca

Biblioteca

Evangelista della Croce e Girolamo dai Libri. Graduale 814Inizialmente incentrata sui testi liturgici necessari alle celebrazioni quotidiane, la biblioteca della Certosa di Pavia andò ad arricchirsi di testi profani sotto il priorato di padre Matteo Valerio (1634-1637), importante figura di storico e letterato e autore delle Memorie della Certosa di Pavia, strumento fondamentale per la ricostruzione delle vicende storico-artistiche del monastero tra il 1487 e il 1645. Durante i lavori di costruzione della Certosa, i testi della biblioteca certosina erano custoditi nella cella del priore o in altri luoghi comodi all’uso, dapprima a Torre del Mangano (nel cui castello i monaci certosini abitarono temporaneamente in attesa della conclusione dei lavori al monastero della Certosa) e poi alla Certosa stessa. Solo in seguito vennero collocati nella libreria conclusa tra il 1426 e il 1427, trasformata alla fine del XVI secolo insieme alla sala capitolare nell’odierna Sacrestia Nuova. Oggi la biblioteca si trova sul lato meridionale del chiostro piccolo, in uno spazio già occupato prima dalla barberia e dall’infermeria e poi dal refettorio provvisorio. Essa ospita i quadroni un tempo presenti nella navata centrale della chiesa della Certosa.La ricca biblioteca comprendeva sia manoscritti ordinati da atelier milanesi e pavesi o acquisiti da altri cenobi, sia testi prodotti in loco, talvolta con il concorso di professionisti esterni temporaneamente ospitati alla Certosa. Dopo la soppressione dell’ordine certosino (1782), i libri della biblioteca furono divisi tra la Biblioteca Nazionale Braidense di Milano e la Biblioteca Universitaria di Pavia. Alla Certosa si trovano tuttora tredici corali, tutti appartenenti alla tipologia del “libro graduale”, con testi e musiche dei canti delle messe ordinati secondo la sequenza dell’anno liturgico. La loro decorazione fu eseguita da Evangelista della Croce, Benedetto da Bergamo e Guarnerio Berretta. Il graduale 814 (s.n.), miniato da Evengelista della Croce e Girolamo dai Libri, è stato recentemente restaurato ed esposto a Palazzo Reale in occasione della mostra dedicata all’Arcimboldo (2011).

Per quello che riguarda i tredici Graduali conservati nella Biblioteca è possibile scaricare il seguente articolo relativo al Graduale 814.